Interrogating gender-based violence discourses and representation in Italy – Q&A at the Centre for Communication and Social Change, University of Queensland

In the CSC research field, there is an increasing debate and call for researchers to explore new thinking, theories, institutional critiques and innovative methods beyond the traditional boundaries of the field.

Dr Daniela Bandelli, a PhD graduate of the Centre for Communication and Social Change, has responded to this call in her new book – Femicide, Gender and Violence Discourses and Counterdiscourses in Italy.

This fascinating and provocative book critically engages with feminist gender-based violence discourses in Italy through the lens of Foucault’s theory of ‘Biopower’ and social movement voices.

In this Q &A, Dr Bandelli shares some of the key insights, motivation and challenges involved in writing and publishing the book.

 What was the initial motivation to write this book?

My initial motivation to write this book started with the many interesting discussions I had with colleagues and friends during by candidature at UQ and fieldwork in Italy on the institutionalisation and spread of gender feminist discourse in daily life. I observed that whenever I shared my critiques towards gender feminist discourse, I tend to provoke sceptical reactions and incredulity among them. But their attitude gradually changed as I continued to share different aspects of my study such as political exploitation of women sufferance and violence done by women against men (…). I noticed that once people get exposed to this kind of information, which rarely reach the mainstream media, they gradually change their view on media coverage about the so-called gender issues. They start noticing that violence is not done only by men, that contemporary media culture encourages men ridiculing, or that women can have more power than men in certain domains such as child custody. These conceptual thinking and reactions among my friends and colleagues towards gender-related violence discourses provided the initial inspiration for writing this book. I wish the book could contribute to encourage critical thinking on mainstream discourses that are generally taken for granted.

What specific social change issues are addressed in the book?

The intent of my book is to contribute to gender-related social change in the context of contemporary social movement discourses. Importantly, I shed light on social movements that usually are not legitimised to participate in the formation of public discourse on violence and other topics on ‘women or gender issues’. I worked through the voices of men’s rights, divorced fathers, shared parenting and anti-gender movements, which are usually dismissively labelled as conservative, chauvinist or bigots. Through their narratives I identified theories and data which helped me to add some complexity to the dominant representations of violence and gender relations.

Can you elaborate a little on the relationship between the concepts ‘femicide and gender violence’, as addressed in the book?  

Gender-based violence (GBV) defines many different typologies of acts as abuses perpetrated for reasons ascribable to patriarchy, male power over women, gender inequality and sexist culture. The GBV paradigm infers that violence, whenever it is perpetrated by men against women, should be approached separately from other kinds of aggressions. Femicide is defined by the United Nations as ‘the killing of women and girls because of their gender’, thus as a form of GBV. In Latin America ‘feminicidio’ was used initially to refer to mass rapes and murders of working women in Ciudad Juarez; in Italy  the term ‘femminicidio’ has popularised since 2012 mainly in the context of intimate partner homicides. Despite different contexts and translations, the term connotes murders of women as the product of a sexism and gender inequality. In other words, whenever we use the term ‘femminicidio’ we signify that a woman was killed because men are entitled to exert power upon women, who in turn are subtly considered killable. In my book I question the GBV framework and the term ‘femminicidio’: can we explain all acts of male violence against women through the lens of power inequality, patriarchy and sexism? Are these terms useful to understand violence? Is this gender paradigm tenable in contemporary Italy and other democratic societies?

What were some of the challenges involved in writing and publishing the book?

Doing research and writing is my passion; it is something that I love doing. Of course, writing in English can be at times hard, and writing in my mother tongue could be smoother and more pleasant. However, market in Italy is small and most of the academic publishers ask authors to pay for publishing, and I personally think this is unacceptable. On the other hand, publishing in English allows me to reach a wider public and enhance the impact of my work. I am honoured that an important publisher such as Palgrave MacMillan immediately accepted to print my book. I belief this is a promising encouragement for continuing an academic path.

What is a key point that you hope readers can take away from the text?

Is all violence gendered? Heretic scholars in disparate disciplines have posed this crucial question in one way or another over time. However, this kind of critique is rare in studies of discourse and media representation and too often this intellectual position is erroneously received as an attempt to restore the social legitimisation of female submission. This is in no way the intention of my book. Rather, I hope to demonstrate to the readers that questioning the gender framework is particularly urgent because, like any discourses that become institutionalised within hierarchies of power, could conceal fallacies and replicate social injustices if restricted from the purview of social critique and scholarly debate.

Anything else you’d like to add?

Violence is not the sole social issue that is monopolised in social or intellectual movement. I have recently started to explore the topic of maternal or gestational surrogacy, which has recently received an increasing attention from media and political institutions in Europe. It is striking in Italy, which is at the centre of feminist critique of assisted reproductive technologies, the role of the father in conception, pregnancy and child’s life is almost absent, as if maternity is fundamental whilst paternity remains less important. I think that men’s perspectives on issues that have been traditionally theorised within feminist frameworks, such as reproduction, violence, and so forth, could contribute to advance public understanding on human identity and social relations, and ultimately re-humanise our society.

Daniela Bandelli is an Independent Researcher based in Italy. Her research focuses on critical discourse studies and media representations, particularly the role of social movements in challenging and consolidating dominant representations of gender and family issues.

 

http://www.uq.edu.au/ccsc/daniela-bandelli

Annunci

Intervista a Tempi sul mio libro in uscita con Palgrave MacMillan

Quando parliamo di femminicidio, di che cosa parliamo?

Articolo di Caterina Giojelli

Da qualche anno in Italia il dibattito sui diritti femminili, la parità tra i sessi e la violenza sulle donne è prigioniero di una logica di contrapposizione tra i sessi, tesa al superamento di una società maschilista attraverso un intervento culturale sugli stereotipi di genere e una maggiore partecipazione delle donne in politica. Tutto ha inizio con l’affermazione di un neologismo, “femminicidio”, «il termine irrompe nei media italiani nel 2012, portando con sé una nuova narrazione emergenziale di uomini che uccidono le proprie compagne ed ex in quanto donne, anche se originariamente questo termine, nella teoria femminista, era stato coniato per definire fenomeni diversi».

Daniela Bandelli, un dottorato di ricerca conseguito alla University of Queensland, docente a contratto alla Lumsa, è autrice di Femicide, Gender & Violence (ed. Palgrave Macmillan), un libro fresco di stampa che analizza come la lettura di genere della violenza, diffusasi in Italia da uno strano intreccio tra discorso femminista sul femminicidio e quello progressista della competizione elettorale, «potrebbe mantenere nell’ombra la complessità delle diverse forme di abuso domestico, nonché la ricerca di una comprensione più completa delle relazioni violente tra uomini e donne e la messa a punto di politiche di intervento che tengano conto di fattori non direttamente legati al potere patriarcale».

Quando si inizia a parlare di femminicidio, con quale accezione e perché?

Femicide in Italy “Femminicidio,” Moral Panic and Progressivist Discourse

Sociologica 2/2016 –download the article

In 2012-2013 the feminist neologism “femminicidio” (feminicide) erupted in Italian public discourse as national media outlets repeatedly described an epidemic of men murdering their female partners. As a result, Violence Against Women (VAW) as a cause acquired a new centrality in political discourse surrounding the National electoral campaign that year. Through a critical thematic qualitative analysis of press articles and a linguistic analysis of claims made by activists and politicians reported in news wires, this paper shows that the femminicidio narrative constructed an emergency around violence, one affecting the everyday Italian heterosexual family. Femminicidio as a narrative was influential in the abrupt adoption of a Gender Violence (GV) framework within national institutions, a framework that explains violence as a product of patriarchal culture that normalizes sexist representations of women. Intertwined with a political discourse of progress, the femminicidio narrative suggests that the solution to VAW resides in increasing women’s participation in politics. While increasing participation in politics is a crucial factor in gender equality, focusing exclusively on this framework forecloses on the many sociological frameworks available to understand and prevent the complex social phenomenon of domestic and partner violence.

Il Patto per la famiglia di Alessia Rosolen, candidata sindaco a Trieste.

In questa intervista per Provita alla candidata sindaco di Trieste Alessia Rosolen affronto il tema della famiglia, tema che non è una semplice appendice del programma elettorale né tanto meno una strategia retorica, come spesso accade sotto elezioni. E’ invece il caposaldo della sua visione di rinascita per la nostra bella Trieste, una città che sta perdendo i suoi figli e smarrendo così la sua identità. La prima azione di quella che l’unica candidata a sindaco donna definisce una rivoluzione sociale e culturale è la gratuità del nido, asilo, Sis e mensa scolastica. Se al primo punto del suo programma c’è la rinascita, al secondo punto sono previste azioni a sostegno della famiglia, quale istituzione naturale preposta alla crescita e all’educazione dei bambini, famiglia che, viene sottolineato, è bigenitoriale, anche in caso di separazione. Il programma per la famiglia è disponibile al seguente link: http://www.rosolensindaco.it/punto-due/ . Garantisco che il programma per la famiglia di Alessia Rosolen non è un copia e incolla o un guazzabuglio di proposte  spot, in quanto su questo punto ho lavorato in prima persona assieme alla psicologa Valentina Peloso Morana.

Vi lascio all’intervista. Buona lettura.

 

  • Alessia Rosolen, il suo programma elettorale vede la natalità e la famiglia alla base delle politiche per la rinascita di Trieste, città  pesantemente afflitta da una crisi demografica, dall’ondata migratoria e da una crisi occupazionale che costringe i giovani a cercare futuro altrove. Potrebbe spiegare ai nostri Lettori cosa voglia dire – in termini concreti – organizzare le politiche e la gestione di una città attorno al supporto della famiglia?

Il sistema famiglia, nonostante sia stato oggetto da decenni di attacchi e di nessun intervento, è ancora il solo fulcro fondante della società e va valorizzato sempre ma soprattutto quando una società in crisi deve riprendere il cammino. Qualsiasi intervento nei confronti della famiglia è un intervento su tutti i settori della vita di una città: intervenire sulla famiglia significa dare risposte in termini di welfare e di economia. Le famiglie giovani sono una delle basi sulle quali rilanciare una città perché una coppia giovane ha bisogni che il mercato deve essere in grado di offrire.

  • Scendiamo nello specifico: se verrà eletta, quali saranno le sue prime azioni concrete a realizzazione della rivoluzione sociale che ha in mente?

La prima azione è quella di affermare un nuovo modello sociale di famiglia che prescinda in parte dal criterio utilizzato finora cioè che solo in alcuni settori del bisogno si debba intervenire. Riuscire a rendere gratuiti e garantire ai nuovi nati in questa città, indipendentemente dalla famiglia di provenienza, una serie di servizi che al momento sono a pagamento (e che all’amministrazione comunale costa relativamente Rosolen_bollino_ProVita_famigliapoco) significa compiere una rivoluzione sociale e culturale attorno alla famiglia che può cambiare il futuro della società. Immagino l’educazione dell’infanzia completamente gratuita, dall’asilo nido, al SIS, alle mense scolastiche, ai ricreatori. Significa dare spazi e risposte che consentano alle nuove famiglie di formarsi, alle donne di proseguire con tranquillità il loro percorso di conciliazione vita lavoro e a questa società di continuare a crescere.

  • Finora ha parlato di infanzia. Quali interventi promuoverà a protezione degli anziani?

Interpreto quello che è il concetto della famiglia nell’accezione più ampia possibile. E’ evidente che nel momento in cui l’intero sistema di welfare viene costruito sulla famiglia gli anziani di questo welfare sono parte integrante, così come lo sono i bambini. In un’accezione antica si direbbe che entrambe le situazioni di cura ricadono sulle spalle della donna. In una visione moderna credo bisogni dare una risposta diversa: non solo affermare, forse abbastanza banalmente, quanto gli anziani siano fonte di ricchezza, ma riconoscere che l’assistenza e il servizio garantiscono sempre alla famiglia di crescere.

  • In che modo la sua amministrazione promuoverà la continuità della famiglia anche, per esempio, in situazioni di conflitto?

Il conflitto può generare violenza. Vanno messe in campo politiche di prevenzione della violenza domestica che vadano oltre alla logica di genere attualmente impiegata, perché vanno inclusi tutti i protagonisti e tutte le vittime di violenza, indipendentemente dal sesso, uomini e donne. Inoltre, altro fenomeno di conflitto al quale assistiamo da dieci anni almeno, è il grande problema delle famiglie disgregate. Si continuano ad applicare normative sulle separazioni secondo una visione stereotipata dei ruoli familiari che ricalcano situazioni di decenni fa quando la donna era sempre la parte più debole e l’uomo quella più forte. Oggi le situazioni delle famiglie separate sono variegate e complesse: penso alle mamme lasciate sole da padri assenti, a padri allontanati dai propri figli, ai tanti genitori separati in difficoltà economica, al limite della povertà. Ciò che va garantito prima di tutto è che nonostante la disgregazione i bambini possano ricevere la continuità educativa e affettiva da entrambi i genitori. Con questo obiettivo in mente va costituito il Registro per la Bigenitorialità che consente a entrambi i genitori di proseguire nell’educazione del proprio figlio, vanno creati alloggi da assegnare per tempi limitati al genitore separato più in difficoltà, un luogo sicuro dove può accogliere il proprio figlio e continuare a fare il genitore.

  • Trieste lo scorso anno è salita agli onori delle cronache nazionali e addirittura internazionali per le proteste dei genitori, di una parte della società civile e della politica, contro il Gioco del Rispetto. Ricordo che si tratta di un progetto finanziato dalla Regione e dal Comune rivolto ai bambini della scuola dell’infanzia, che con lo scopo dichiarato di combattere la violenza sulla donna scardina i punti di riferimento maschile e femminile necessari per lo sviluppo psico-sessuale della persona. Come consigliere comunale di opposizione aveva già preso posizione contraria. Da sindaco cosa farà per proteggere i bambini da attività di questo tipo?

La prima cosa che farò è garantire che all’interno delle scuole non entri alcun tipo di ideologia. In particolare, vigileremo affinché non vengano attuati progetti che intervengono sulla formazione dei bambini partendo dall’assunto, ideologico appunto, che l’identità si formi in modo autonomo dal proprio sesso biologico. Su questo tema, lavorerò affinché venga garantito ai genitori il diritto prioritario di educare i figli secondo i propri principi morali, specialmente in temi legati alla sessualità e affettività.

  • Per concludere, una domanda difficile: per ovviare ogni dubbio, alla luce delle recenti riforme sulle unioni civili, qual è per lei la definizione di famiglia?

La famiglia non solo è il pilastro della proposta politica che vogliamo portare avanti ma, come ho già detto prima, la famiglia è la cellula base della comunità. E’ costituita da un uomo e una donna e dai loro figli (quando hanno la fortuna di averne). Poi ci sono le coppie, i gruppi, con mille accezioni, definizioni e sfumature. Ciò detto, il rispetto per la persona, a prescindere dall’orientamento sessuale, è un principio di civiltà che sottoscrivo, ma la mancanza di rispetto non va confusa con la discriminazione.

Daniela Bandelli

Femminicidio’ in Italy: A critique of feminist gender discourse and constructivist reading of the human identity

Authors: Daniela Bandelli, University of Queensland; Giorgio Porcelli, University of Trieste
Journal: Current Sociology, 24 February 2016
pp. 1-19
DOI: 10.1177/0011392115625723
Abstract
In recent years a feminist gender discourse of femicide has become established in Italian
political debate. Stereotypical and sexist representations of women are singled out as
key issues to be addressed in the fight against Violence Against Women (VAW). Gender
discourse and associated cultural/linguistic enterprise simplify heterosexual (violent)
relational dynamics, overshadow different situational, relational and socio-psychological
readings of violence and foreground a cultural understanding of the human being as
a self-determined artificially constructed identity. The authors of this article suggest
that this discourse on femicide can be read through the lens of Foucault’s theory of
biopolitics, as a device of manipulation of human identity. Furthermore the authors
borrow from Habermas’s theory of public sphere and argue that the hegemonic
gender interpretation of femicide reflects the specific vantage point of feminist groups
while it is not the result of any inclusive public reflections on the causes of this social
phenomenon. Their core argument is that a gender discourse of femicide contributes
to the advancement of a social constructivist paradigm in the interpretation of self in
postmodern society, a society that, as warned by sociologist David Riesman and Jungian
psychologist Tony Wolff, is populated by individuals that conform to cultural values.